Concimare correttamente

Istruzioni fase dopo fase

Anche le piante per crescere hanno bisogno di sostanze nutritive. Le sostanze nutritive più importanti sono l’azoto, il fosforo, il potassio, il calcio e il magnesio. Queste sostanze vengono considerate e definite sostanze nutritive principali. Altre sostanze che le piante necessitano in dosi più limitate sono il boro, il manganese, il ferro e lo zinco. Queste sostanze vengono definite oligominerali. Sulle confezioni dei concimi le sostanze nutritive vengono indicate con il loro simbolo chimico:

N = azoto, P = fosforo, K = potassio, Ca = calcio, Mg = magnesio

Importante: non concimare se non necessario, ma solo in modo mirato. Per ogni gruppo di piante vi sono concimi appositi.

  • Fase 1 – riconoscere una carenza di sostanze nutritive

     

     

     

    Una carenza di sostanze nutritive può causare diversi sintomi. La pianta non cresce bene e le foglie si scoloriscono. In base alla carenza delle diverse sostanze nutritive possono presentarsi diversi sintomi come macchie chiare, marroni o nere o parti esterne delle foglie secche.

    Soluzione pratica: puoi mostrare foglie o parti della pianta a un esperto di piante, il quale sarà in grado di dirti di quali sostanze ha bisogno la pianta e di consigliarti il concime da utilizzare.

    Importante: modifiche di colore nelle foglie possono essere causate anche da calore, mancanza o surplus d’acqua o luce. Anche i prodotti per proteggere le piante possono causare danni e portare a modifiche del colore delle foglie.

  • Fase 2 – Test del terreno

     

     

     

    Il terreno salva le sostanze nutritive e le rilascia lentamente tramite i microorganismi. In tal modo la pianta è in grado di assorbire le sostanze di cui ha bisogno. Un test del terreno ti aiuta a scoprire quante sostanze nutritive sono presenti e se è necessario concimare. La maggior parte del terreno da giardino contiene ad esempio fosforo a sufficienza ma necessita di un’aggiunta di azoto.

    Importante: raccogli terra da diverse parti del giardino e mischiala bene. In tal modo il risultato sarà rappresentativo.

  • Fase 3 – Scegliere il concime corretto

     

     

     

    È importante differenziare tra concimi minerali (chimici, artificiali) e organici (naturali).

    I concimi minerali sono solubili in acqua e la pianta è in grado di assorbirli immediatamente poiché si presentano sotto forma di sale minerale. Vantaggio: la pianta ottiene le sostanze nutritive di cui ha bisogno in modo rapido. Svantaggio: i concimi che non vengono assorbiti immediatamente possono raggiungere gli strati più profondi del terreno e le radici delle piante non sono più in grado di assorbirli. I concimi organici come i trucioli cornei o lo stallatico rilasciano le sostanze nutritive lentamente. Vantaggio: il rischio di concimare troppo è ridotto. Svantaggio: il risultato si vede dopo qualche giorno o settimana.

    Soluzione pratica: i concimi organici rispettano il terreno e le sostanze nutritive contenute vengono rilasciate lentamente.

    Importante: troppe sostanze nutritive danneggiano le piante.

  • Fase 4 – cospargere il concime

     

     

     

    I concimi in granuli o in pellet possono essere cosparsi a mano o con un apposito macchinario. Si consiglia di utilizzare guanti poiché i concimi possono irritare la pelle. 

    Soluzione pratica: i concimi secchi sono più semplici da dosare.

    Importante: misura la quantità necessaria di concime per metro quadro servendoti di una bilancia da cucina. Sei non sei sicuro puoi esercitarti con la sabbia.

  • Fase 5 – cospargere il compost

     

     

     

    Dopo aver cosparso uno strato di tre-cinque centimetri di compost sul terreno è necessario muovere il compost con un rastrello. Organismi come i vermi fanno sì che il materiale organico raggiunga anche gli strati più profondi.

    Importante: il compost contiene tante sostanze nutritive e ciò va considerato al momento di provvedere a successive concimazioni. Il fabbisogno di fosforo e potassio solitamente viene colmato dal compost. L’azoto può essere fornito al terreno tramite trucioli cornei.

     

  • Fase 6 – concime liquido

     

     

     

    In caso di elevata carenza di sostanze nutritive è possibile utilizzare un concime liquido. Esistono concimi liquidi contenenti singolarmente le diverse sostanze o concimi liquidi completi. Per preparare il concime mischiare il prodotto con acqua e innaffiarvici le piante.

    Soluzione pratica: efficacia rapida, anche come concime per foglie.

    Importante: presta attenzione al dosaggio indicato poiché dosi troppo elevate potrebbero danneggiare foglie e radici. In caso di dubbio è meglio optare per un dosaggio ridotto rispetto a quello indicato sulla confezione.